I polmoni della Terra stanno bruciando, il disastro in Amazzonia si vede dallo spazio

I roghi che stanno devastando la foresta pluviale più grande del mondo procedono a ritmi record. Ma il presidente Bolsonaro scherza: “sono come Nerone”.

La devastazione della foresta amazzonica che sta avvenendo in queste settimane è senza precedenti. Migliaia di roghi infuriano attraverso la foresta pluviale più grande del mondo, radendo al suolo la vegetazione e distruggendo l’habitat naturale. Dal 15 agosto oltre 9.500 nuovi incendi sono divampati in tutto il Brasile, concentrandosi nel bacino amazzonico. Quest’anno ne sono stati registrati oltre 74.000 in tutto il Paese, raddoppiando i numeri dell’anno precedente, con un aumento dell’83% – riporta il National Institute for Space Research del Brasile.

Sui social dilagano le immagini del cielo nero che ricopriva San Paolo lunedì tra le 15:00 e le 16:00, ritraendo uno scenario apocalittico. Essendo la città collocata  a 3.200 chilometri dall’Amazzonia, è facile intuire quanto grave sia la portata del disastro. Le fiamme hanno infatti creato uno strato di fumo stimato in 1,2 milioni di miglia quadrate, diffondendosi in gran parte dello stato. Le immagini satellitari ritraggono in modo chiaro questo tragico spettacolo, che i dati identificano come la deforestazione più imponente registrata in un solo mese in Amazzonia.

La foresta pluviale amazzonica svolge un ruolo cruciale nel controllo dei livelli di biossido di carbonio del nostro pianeta: con i suoi 5.500.000 chilometri quadrati di estensione e la produzione del 20% dell’ossigeno globale è quello che viene definito “il polmone della Terra”. La deforestazione e l’attività industriale e agricola sono direttamente collegate agli incendi, che nella stagione secca possono sfuggire al controllo e causare danni irreparabili.

Con il governo del presidente brasiliano Jair Bolsonaro – il quale ha indicato che proteggere la foresta pluviale non è tra le sue priorità e che ha espresso la volontà di incrementare progetti di sviluppo quali strade e dighe nell’area – sono inoltre aumentate le attività nocive registrate, poiché il monitoraggio e le sanzioni per l’estrazione illegale di legname sono state notevolmente ridotte. In termini ambientali si può dire che l’amministrazione di Bolsonaro abbia dettato una serie di gravi fallimenti, aprendo un drammatico capitolo per la foresta più preziosa al mondo. Ma in merito agli incendi in corso il presidente, dichiaratamente climanegazionista e fortemente criticato dalla comunità scientifica e ambientalista, risponde alle accuse scherzando: “ora sono come Nerone”.

Secondo il Climate Central, quest’anno è in procinto di essere il terzo più caldo mai registrato a livello globale. I cambiamenti climatici aumentano le probabilità e la frequenza degli incendi boschivi in tutto il mondo, creando le condizioni ideali per consentire alle fiamme di propagarsi incontrollatamente. Ed è ciò che sta accadendo in Brasile come in altre parti del mondo, come il Canada, l’Alaska e la Siberia, dove milioni di acri di terreno stanno bruciando.

Articolo di Erika del 22 Agosto 2019 alle ore 17:33

Altre Notizie Meteo

Fronte freddo sull’Italia fino a venerdì: rovesci sparsi da nord a sud e calo termico!

Fronte freddo sull’Italia fino a venerdì: rovesci sparsi da nord a sud e calo termico!

Temporaneo indebolimento dell’anticiclone sulla nostra Penisola fino a venerdì a causa del transito di un fronte freddo. Temperature in temporaneo calo fino a venerdì, a causa di aria più fredda proveniente dall’Europa orientale. Il campo anticiclonico, di matrice azzorriana, che sta proteggendo la nostra Penisola garantendo bel tempo da nord a sud con temperature ancora […]

Estate 2019, la più calda mai registrata per il 90% della popolazione mondiale

Estate 2019, la più calda mai registrata per il 90% della popolazione mondiale

Temperature record sono state registrate in gran parte del pianeta non solo nei mesi estivi, ma dall’inizio dell’anno. Secondo le misurazioni effettuate finora, il 2019 è già il 3° anno più caldo dopo il 2016 e il 2017, con l’estate meteorologica più calda mai registrata per il 90% della popolazione mondiale, prevalentemente collocata nell’emisfero settentrionale. […]

Si riparte con sole e caldo ma in settimana si cambia: in arrivo aria più fredda e temporali!

Si riparte con sole e caldo ma in settimana si cambia: in arrivo aria più fredda e temporali!

Nuova settimana stesso tempo, si ricomincia nel segno dell’alta pressione che protegge le latitudini centrali e meridionali del Continente e favorisce condizioni di stabilità e bel tempo fin sull’Italia con clima del tutto estivo. Una condizione statica che durerà ancora un paio di giorni, in cui l’estate continuerà a dominare la scena con temperature diurne […]

Dal buco nero della Via Lattea due gigantesche bolle di gas radioattivi

Dal buco nero della Via Lattea due gigantesche bolle di gas radioattivi

Al centro della nostra galassia è stato osservato un fenomeno paragonabile ad un “rutto cosmico”, che segue una grande ingestione di materia da parte del buco nero. La fame implacabile del buco nero della Via Lattea ha raggiunto il culmine con l’espulsione di due enormi bolle di gas radioattivi. Proprio come se stesse digerendo tutto […]

Nuovo “visitatore” nel Sistema Solare, potrebbe provenire dallo spazio interstellare

Nuovo “visitatore” nel  Sistema Solare, potrebbe provenire dallo spazio interstellare

Dopo Oumuamua, un nuovo oggetto spaziale sta entrando nel Sistema Solare ad una velocità di 150.000 km/h. Nell’ottobre 2017 veniva rilevato il primo visitatore del nostro Sistema Solare proveniente dallo spazio interstellare, un asteroide denominato Oumuamua. Oggi, a meno di due anni di distanza, un altro oggetto cosmico sconosciuto è stato rilevato nel cielo notturno. […]

Scoperta acqua sul K2-18b, un pianeta dove sarebbero possibili forme di vita!

Scoperta acqua sul K2-18b, un pianeta dove sarebbero possibili forme di vita!

Importantissima scoperta sul pianeta K2-18b da parte di un gruppo di studiosi dell’University College di Londra, a cui fa capo anche un’astrofisica italiana… Un gruppo di studiosi dell’University College di Londra, a cui fanno capo il greco Angelos Tsiaras, l’italiana Giovanna Tinetti e il tedesco Ingo Waldmann, hanno effettuato un’importantissima scoperta, poi pubblicata sulla rivista […]

Il grande buco nero della Via Lattea sta diventando “affamato”

Il grande buco nero della Via Lattea sta diventando “affamato”

Sagittarius A* sta inglobando la materia in modo insolitamente vorace. Non è chiara la natura del fenomeno e se si tratta di un episodio sporadico o di un processo evolutivo. Recentemente Sagittarius A*, il grande buco nero al centro della Via Lattea, ha iniziato a divorare la materia circostante in modo insolitamente frenetico e “vorace”. […]

Estate settembrina “mode on”: bel tempo ovunque con temperature massime anche oltre i +30°

Estate settembrina “mode on”: bel tempo ovunque con temperature massime anche oltre i +30°

Almeno fino ad inizio della prossima settimana vivremo giornate soleggiate e stabili su tutta la nostra Penisola, con totale assenza di precipitazioni. Temperature estive con massime localmente anche oltre i +30°! Non è ancora giunto il momento dell’autunno, delle piogge, del vento, del fresco: sarà ancora estate, anche nei prossimi 5-6 giorni almeno! L’espansione e […]

Italia avvolta nell’anticiclone: ancora un weekend da mare in arrivo?

Italia avvolta nell’anticiclone: ancora un weekend da mare in arrivo?

Sull’Atlantico settentrionale è arrivato l’ex uragano Dorian e ciò ha portato un pò di complicazioni dal punto di vista dell’evoluzione meteo, favorendo l’attuale circolazione depressionaria nei pressi delle Baleari e nel contempo aiutando l’anticiclone delle Azzorre a spostarsi verso levante. Nel corso dei prossimi giorni il flusso perturbato nord atlantico resterà relegato alle alte latitudini […]

Chernobyl “galleggia”: arriva nell’Artico la mega-nave nucleare russa

Chernobyl “galleggia”: arriva nell’Artico la mega-nave nucleare russa

Pioggia di critiche per l’impianto nucleare galleggiante made in Russia, che mette in serio pericolo gli ecosistemi marini e le persone. Ci sono voluti circa 20 anni per realizzare l’Akademik Lomonosov, il secondo impianto nucleare galleggiante al mondo – dopo la Sturgis degli USA – pensato per fornire energia elettrica alle piattaforme petrolifere. Soprannominata “Chernobyl […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464