“Perché non ci azzeccano mai?” I problemi delle previsioni meteo

Immaginiamo di voler misurare la velocità di una macchina che percorre i 200 km di autostrada che separano Milano da Bologna.  La velocità ottenuta dividendo lo spazio percorso (200 km) per il tempo che intercorre tra la partenza e l’arrivo è la velocità media. Conoscendo questo valore non ci è dato sapere se vi siano state improvvise accelerazioni durante il viaggio o se  vi sia stata una fermata all’Autogrill: non è possibile dedurre informazioni a scala più piccola di quella relativa alle condizioni agli estremi.

Questo semplice esempio, che sembra avere poco a che fare con l’Atmosfera,  esprime invece quali siano le difficoltà nell’effettuare previsioni meteorologiche.

Queste utilizzano equazioni matematiche (modelli) che sono in grado di prevedere i cambiamenti nel tempo di temperatura, pressione (etc..) di una certa massa d’aria. Come ogni problema di evoluzione temporale è necessario imporre una condizione iniziale (nell’esempio della macchina la posizione o il tempo di partenza da Bologna) dalla quale partire per prevedere l’evoluzione del sistema. In altre parole il problema della previsione meteorologica è un problema deterministico ai valori iniziali.

Per poter prevedere la situazione in una certa città o zona è necessario conoscere le condizioni attuali sempre nello stesso punto, ad ogni altitudine che consideriamo rilevante per l’evoluzione delle masse d’aria. Sarebbe necessaria una rete di rilevazione che copra istantaneamente ogni punto nel quale si vuole conoscere l’evoluzione del tempo: quest’ipotesi è semplice utopia, considerando l’impegno sperimentale  ed il costo associato; esiste anche il problema degli errori strumentali.

Anche se negli ultimi anni i satelliti sono stati molto utili nel risolvere questo tipo di copertura, lo strumento più efficiente ed affidabile è e rimane la radiosonda: in alcuni punti sul globo, considerati rappresentativi (o semplicemente comodi), vengono lanciati ogni giorno dei palloni atmosferici che, salendo fino ad una certa altitudine, registrano, ad ogni altezza, temperatura, pressione, velocità del vento, etc.. I dati verranno poi utilizzati nei modelli matematici come condizioni iniziali. Il problema fondamentale di questi radiosondaggi è la copertura che riescono a garantire: Bologna e Milano rappresentano, non a caso, la distanza minima tra due stazioni diverse. Avere dati diversi tra Bologna e, ad esempio, Reggio Emilia non è possibile. In Italia esistono non più di 10-15 stazioni diverse che effettuano questo tipo di radiosondaggi, mentre le stazioni meteo al suolo sono molte di più ma non servono allo scopo.

Immagine acquisita da una fotocamera installata su una "radiosonda" artigianale lanciata in Atmosfera. Se vi interessa il progetto guardate qui: http://rcexplorer.se/projects/2013/03/fpv-to-space-and-back/

Immagine acquisita da una fotocamera installata su una “radiosonda” artigianale lanciata in Atmosfera. Se vi interessa il progetto guardate qui: http://rcexplorer.se/projects/2013/03/fpv-to-space-and-back/

Il problema si pone quindi nei termini seguenti : come è possibile ottenere delle previsioni che abbiano un dettaglio maggiore dei dati che forniamo in ingresso? Come è possibile conoscere la velocità della macchina a Reggio Emilia se conosciamo solo la velocità media nel tragitto Bologna-Milano?
Per questo le previsioni per ogni città, a cui molti siti ci hanno da anni abituato, sono da prendere con le molle! Le previsioni sono realistiche se fatte su macroaree “Domani in Val Padana piovaschi isolati” e non su aree localizzate “Domani acquazzoni nella zona Ovest di Bologna”.  Ad oggi è quasi impossibile avere questo tipo di dettaglio a causa della limitata potenza dei mezzi di misura. O almeno è impossibile averla con un margine di errore molto basso. Tanto più che la maggior parte dei fenomeni meteorologici sulla nostra penisola sono dovuti all’interazione dell’aria con la caratteristica e peculiare (al mondo!) orografia del sito, che varia tra il mare e la montagna nel raggio di pochi km: queste scale non sono risolvibili con previsioni a lungo raggio temporale.

Ci sono poi altri aspetti da sottolineare, ma il più importante è la valutazione degli errori. Le equazioni prima utilizzate dai modelli non sono semplici da risolvere; pur con molte approssimazioni non sono infatti risolvibili analiticamente. Questo significa che non è possibile trovare in alcun modo una soluzione ESATTA che risolva le equazioni. L’unico metodo possibile è quello di cercare, con l’ausilio di computer, le soluzioni numeriche che approssimino la soluzione corretta, che non conosciamo. Il computer provvede, date le equazioni che abbiamo derivato, ad aggiungere ogni volta un piccolo intervallo temporale (secondi, minuti, ore..) e a calcolare il risultato di temperatura, pressione, vento. D’altra parte i computer eseguono calcoli sempre con una certa approssimazione. Sarebbe impossibile memorizzare infatti il risultato di una divisione, che ha infinite cifre dopo la virgola: servirebbe una memoria (quasi) infinita. Nei calcoli si adoperano approssimazioni che si traducono in approssimazioni nelle previsioni.

In definitiva, prima di affermare “questo sito non ci becca mai, ieri alle 11 pioveva a Bologna mentre le previsioni sul sito XX mettevano nuvoloso!” sarebbe meglio ragionare un momento. La Fisica è un tentativo di approssimare la Verità, la Matematica è il suo strumento, ma insieme approssimano solo la realtà che è sottoposta a legge più complesse di quanto l’equazione più complessa possa esprimere.

Articolo di Guido Cioni del 07 Dicembre 2013 alle ore 14:29

Altre Notizie Meteo

Ultima settimana di luglio bollente: si avvicina la massa d’aria nord-africana, ma anche sole e temporali!

Ultima settimana di luglio bollente: si avvicina la massa d’aria nord-africana, ma anche sole e temporali!

Una nuova ondata di calore interesserà la Penisola nei prossimi giorni nel momento in cui l’anticiclone africano rafforzerà sempre più le sue posizioni. Dopo l’intensa ondata di caldo di fine giugno, l’Europa centro occidentale si appresta a vivere una seconda. I massimi anticiclonici rimarranno però a ovest dell’Italia quindi sulla nostra Penisola il caldo sarà […]

Gli elefanti africani combattono il clima mangiando

Gli elefanti africani combattono il clima mangiando

Una grossa ingestione di vegetazione da parte degli elefanti fornisce in realtà effetti benefici al Pianeta. La fame degli elefanti africani potrebbe essere qualcosa di positivo per il cambiamento climatico. Lo dice uno studio pubblicato su Nature Geoscience, secondo il quale la grossa ingestione di vegetazione da parte di questi animali, oltre a fornire loro […]

Board Portals – an easy addition for a business

Board Portals – an easy addition for a business

Running a good business is just not an uncomplicated task. Equally beginners and also experienced men of affairs know of which support and even corporation of industry happen to be becoming a growing number of difficult in development. Will be greatest difficulty? As perform shows, it is the management of the management. You ought to […]

Giugno 2019 è stato il mese più caldo dall’inizio delle misurazioni

Giugno 2019 è stato il mese più caldo dall’inizio delle misurazioni

Purtroppo il mese di giugno fa registrare un nuovo record delle temperature globali. Infatti, l’anomalia termica registrata in giugno sulla terra e sugli oceani è stata la più alta da quando sono iniziate le misurazioni, ovvero dal 1880. Questa anomalia è calcolata rispetto ad una media delle temperature effettuata dal 1910 al 2000. Più che […]

In UK la spettacolare migrazione delle farfalle che avviene una volta ogni 10 anni

In UK la spettacolare migrazione delle farfalle che avviene una volta ogni 10 anni

Uno dei fenomeni naturali più affascinanti sta per verificarsi nel Regno Unito, dove le Painted Lady voleranno a milioni. La spettacolare migrazione delle farfalle variopinte Painted Lady (Vanessa Cardui) sarà visibile nel Regno Unito quest’anno. Il fenomeno unico, che avviene una volta ogni dieci anni in estate, si prevede coinvolga un afflusso massiccio di questi […]

In Scozia l’eolico produce il doppio dell’energia necessaria

In Scozia l’eolico produce il doppio dell’energia necessaria

Un vero record di energia pulita prodotta, in grado di soddisfare il fabbisogno di milioni di case, fino in Inghilterra. L’energia pulita prodotta dalle pale eoliche scozzesi è talmente abbondante da superare il fabbisogno delle abitazioni del Paese. Lo dice un nuovo rapporto di Weather Energy in riferimento ai dati dei primi sei mesi del […]

Distrutta la colonia di leoni marini Steller dopo l’eruzione del vulcano Raikoke

Distrutta la colonia di leoni marini Steller dopo l’eruzione del vulcano Raikoke

L’isola e la sua ricca fauna di leoni marini e uccelli sono stati fortemente danneggiati dall’eruzione. Una delle maggiori colonie di leoni marini Steller è stata distrutta dall’eruzione del vulcano Raikoke, nell’arcipelago delle isole Kuril. Gas e ceneri fino a 13 chilometri di altezza hanno colpito l’isola il 22 giugno, decimando la fauna selvatica e […]

Rimonta l’anticiclone nord-africano nel weekend: più sole, temperature su, ma anche temporali!

Rimonta l’anticiclone nord-africano nel weekend: più sole, temperature su, ma anche temporali!

Dopo il vortice ciclonico anomalo di metà luglio, la seconda metà del mese fa ben sperare in un recupero netto dell’Estate sull’Italia. I due maggiori garanti di sole e caldo si stanno infatti gradualmente muovendo verso di noi. L’alta pressione delle Azzorre insieme al nord-africano sono in fase di rimonta sull’Europa centro-meridionale e sull’Italia e […]

5 modi per salvare la natura con l’editing genetico

5 modi per salvare la natura con l’editing genetico

Alcune correzioni genetiche potrebbero favorire l’adattamento della natura ai cambiamenti ambientali, riducendo i danni provocati dal riscaldamento globale. Il sistema di modifica genetica appartiene alle soluzioni possibili per gli scienziati impegnati nella ricerca di modi innovativi ed efficaci per contrastare i cambiamenti climatici e le ripercussioni sull’ambiente. Aiutare il mondo naturale ad adattarsi alle trasformazioni […]

Clima: come saranno le temperature delle città nel 2050?

Clima: come saranno le temperature delle città nel 2050?

Milano sarà come il Texas, Londra come Barcellona, Madrid come Marrakech. Uno studio paragona le città più note proiettandole nel futuro del cambiamento climatico. Nel 2050 quasi l’80% delle città subirà cambiamenti drastici e potenzialmente dannosi, afferma uno studio del Crowther Lab, centro di ricerca di Zurigo. A preoccupare maggiormente è la siccità, che interesserà […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464