Quest’anno meno Uragani, tutta colpa di El Nino?

Il prossimo 1 Giugno si apre ufficialmente la stagione degli Uragani Atlantici. Il termine Uragano non rappresenta altro che un appellativo per i cicloni tropicali, ovvero basse pressione che si sviluppano a latitudini comprese tra i due Tropici, che possiedono determinate caratteristiche. In particolare, la classificazione richiede che siano superate certe soglie di velocità del vento misurata, raggio del ciclone, etc.. Gli Uragani sono, di fatto, le figure bariche più grandi e maggiormente visibili dallo spazio, ed hanno acquisito una discreta importanza a causa della “pubblicità” fornita dai media. A differenza dei Tornado, che sono fenomeni a piccolissima scala (si parla di decine di km) non predicibili, gli Uragani sono fenomeni con raggi che possono raggiungere anche i 1000 km (è successo nel 1979) ed hanno un discreto grado di predicibilità con le tecnologie del giorno d’oggi.

Immagine satellitare di un uragano, con "occhio" ben visibile.

Immagine satellitare di un uragano, con “occhio” ben visibile.

Pochi giorni fa sono state pubblicate le previsioni stagionali per quest’anno, nelle quali si spiega che la stagione degli uragani vedrà probabilmente un progressivo rallentamento. “Le prime emissioni dei modelli suggeriscono un’altra stagione relativamente lenta”, ha affermato Todd Crawford, meteorologo capo per Weather Services International (WSI). “Tre diverse tecniche statistiche indipendenti suggeriscono che si avranno solo 11 tempeste con nome quest’anno”.

Queste previsioni sono fatte utilizzando modelli a lunga gittata temporale, che analizzano l’andamento della temperatura superficiale nell’Oceano Atlantico e Pacifico, oltre ad altre variabili . In particolare, esiste un fenomeno climatico, detto El Nino, che viene da anni studiato in modo da stabilire la sua connessione con la stagione degli Uragani. Dietro a questo strano nome, dovuto alle sue prime osservazioni sulle coste Sud Americane nel periodo di Natale (El Nino= Il bambino Gesù), si cela un’oscillazione delle temperature superficiali marine.

Mappa delle anomalie di temperatura dell'Oceano Pacifico (°C) durante una condizione di El Niño (dicembre 1997)

Mappa delle anomalie di temperatura dell’Oceano Pacifico (°C) durante una condizione di El Niño (dicembre 1997).

Con un periodo che va dai 3 ai 7 anni, le acque sulla costa Ovest del Sud-America tendono a riscaldarsi in maniera anomala (colori rosso-gialli in figura), provocando a sua volta un effetto sulla circolazione Atmosferica nei pressi dell’Equatore. Dato che Oceano ed Atmosfera risultano fortemente accoppiati, sopratutto nello sviluppo di fenomeni come Uragani, un cambiamento così pronunciato delle condizioni marine può portare ad effetti a loro volta intensi nella genesi delle tempeste tropicali. A prescindere dalla spiegazione volutamente, ed eccessivamente, semplificata che abbiamo dato in questo articolo, i legami tra El Nino e la stagione degli Uragani non sono ancora stati dimostrati scientificamente. Eppure quest’anno sembra proprio che l’insorgenza di questo fenomeno (l’ultimo Nino intenso risale al 1997-98) abbia influenzato la stagione degli Uragani: forse abbiamo la prova definitiva? 

Articolo di Guido Cioni del 15 Maggio 2014 alle ore 16:08

Altre Notizie Meteo

Brezza di mare e di terra

Brezza di mare e di terra

Siamo in piena estate in spiaggia, il cielo è sereno e la temperatura molto elevata. Ma ecco che, soprattutto nelle ore pomeridiane, un piacevole vento, debole ma costante, inizia a spirare attenuando per qualche ora la sensazione di caldo rovente. A molti di voi sarà capitato di sperimentare questo fenomeno, che ad un primo impatto […]

Meteo domenica 5 luglio: residui rovesci all’estremo sud, stabile e soleggiato sul resto dell’Italia

Meteo domenica 5 luglio: residui rovesci all’estremo sud, stabile e soleggiato sul resto dell’Italia

Giornata caratterizzata da un netto miglioramento su gran parte dell’Italia con tempo stabile e soleggiato. Residua nuvolosità presente solo al sud, segnatamente sulle estreme regioni meridionali con qualche residuo rovescio associato. Temperature in rialzo al nord e al centro, stazionarie al sud. La perturbazione nord-atlantica, che ha interessato l’Italia nelle ultime 48 ore, tenderà ad […]

Forti temporali e grandinate sull’Italia: cosa sta determinando il maltempo di questi giorni?

Forti temporali e grandinate sull’Italia: cosa sta determinando il maltempo di questi giorni?

Fino a pochi giorni fa l’Italia è stata caratterizzata da tempo piuttosto stabile determinato dalla presenza di condizioni anticicloniche. L’anticiclone, associato a un campo di alta pressione, produce moti di compressione che inibiscono la risalita dell’aria verso alte quote e quindi la condensazione del vapore acqueo in essa contenuta. Per questa ragione in condizioni anticicloniche […]

Polemiche per il 5G: accadde lo stesso con la TV a colori

Polemiche per il 5G: accadde lo stesso con la TV a colori

Tempo di lettura: 3 minuti. Esiste davvero una correlazione tra la diffusione del nuovo coronavirus e la quinta rete mobile? A 10 anni dall’avvento della TV a colori in Francia, Germania e Inghilterra, nel nostro Paese si pensava a sequestrare 300 dispositivi già in circolazione a causa dei presunti rischi per la salute umana. Ne […]

Meteo sabato 4 luglio: piogge e temporali al centro-sud, migliora al nord

Meteo sabato 4 luglio: piogge e temporali al centro-sud, migliora al nord

Giornata caratterizzata da instabilità al centro-sud con piogge e rovesci temporaleschi, localmente anche forti, migliora al nord. Temperature in calo. L’Italia è interessata da una perturbazione nord-atlantica che nella giornata di ieri ha interessato soprattutto le regioni centro-settentrionali con piogge e rovesci. Nella giornata odierna saranno soprattutto le regioni centro-meridionali ad essere interessate da instabilità […]

Ancora incendi devastanti in Siberia, la nube di fumo ha raggiunto gli USA

Ancora incendi devastanti in Siberia, la nube di fumo ha raggiunto gli USA

Tempo di lettura: 2 minuti. Le fiamme hanno distrutto 1,2 milioni di ettari di foreste, con i danni più gravi nell’area di Verkhoyansk. La situazione degli incendi in Siberia sembra aggravarsi settimana dopo settimana. Gli effetti del caldo estremo che sta interessando la regione da mesi sono sempre più evidenti, con centinaia di roghi che […]

Meteo venerdì 3 luglio: instabilità pomeridiana in aumento al nord e al centro

Meteo venerdì 3 luglio: instabilità pomeridiana in aumento al nord e al centro

Giornata caratterizzata da instabilità in aumento nelle ore pomeridiane con piogge e rovesci temporaleschi al nord e anche al centro, specie sulle zone interne e regioni adriatiche. Il campo di alta pressione sub-tropicale, che interessa gran parte della nostra Penisola da diversi giorni, tenderà a subire un ulteriore e parziale cedimento sulle nostre regioni centro-settentrionali […]

ARWU 2020: l’Università degli Studi dell’Aquila è prima in Italia per Atmospheric Science

ARWU 2020: l’Università degli Studi dell’Aquila è prima in Italia per Atmospheric Science

Tempo di lettura: 2 minuti. Spiccano anche i risultati in Mathematics e Instruments Science & Technology. Pochi giorni fa è stata pubblicata la classifica dell’Academic Ranking of World Universities (ARWU) per materie, in vista della prestigiosa classifica globale 2020. Tra le migliaia di università valutate, spicca l’Università degli Studi dell’Aquila, che quest’anno si colloca al […]

Ondata temporalesca in arrivo nel weekend: stop del caldo afoso e rischio in molte aree da nord a sud!

Ondata temporalesca in arrivo nel weekend: stop del caldo afoso e rischio in molte aree da nord a sud!

L’anticiclone continuerà a rimanere la figura dominante nelle prossime 36/48 ore alle latitudini mediterranee e continuerà a proteggerà l’Italia centro-meridionale. Il tutto accompagnato da correnti molto calde di matrice nord africana che renderanno il clima rovente. Nel frattempo sul confine Alpino si inizieranno a formare temporali con annessi sconfinamenti in Val Padana. Le avvisaglie del […]

Meteo giovedì 2 luglio: sole e caldo intenso, rovesci sulle Alpi e isolatamente su Appennino

Meteo giovedì 2 luglio: sole e caldo intenso, rovesci sulle Alpi e isolatamente su Appennino

Giornata caratterizzata da sole e caldo intenso, rovesci pomeridiani al nord specie sulle aree alpine e prealpine e isolatamente anche in Appennino. L’Italia è sempre interessata da un campo di alta pressione, di origine sub-tropicale, che apporterà anche per la giornata odierna, condizioni prevalentemente stabili e soleggiate con cielo sereno o poco nuvoloso. Tuttavia nelle ore pomeridiane […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464