Chernobyl “galleggia”: arriva nell’Artico la mega-nave nucleare russa

Pioggia di critiche per l’impianto nucleare galleggiante made in Russia, che mette in serio pericolo gli ecosistemi marini e le persone.

Ci sono voluti circa 20 anni per realizzare l’Akademik Lomonosov, il secondo impianto nucleare galleggiante al mondo – dopo la Sturgis degli USA – pensato per fornire energia elettrica alle piattaforme petrolifere. Soprannominata “Chernobyl galleggiante” o “dei ghiacci”, la nave russa raggiunge i 144 metri di lunghezza e pesa 21.500 tonnellate. Trasporta due reattori nucleari da 35 megawatt ciascuno – firmati Rosatom – in grado di fornire energia ad una potenza simile a quella di un impianto eolico, ma con una sostanziale differenza nell’impatto ambientale.  

Il viaggio intrapreso dall’Akademik Lomonosov, che ha attraversato i mari più ostili del nord per un totale di quasi 3000 miglia, poteva facilmente trasformarsi in un disastro ambientale dalla portata di Chernobyl, come appunto la chiamano gli scettici. La partenza è avvenuta il 23 agosto da Murmansk, in Russia, per raggiungere dopo 17 giorni il primo luogo di stallo, Pevek, all’interno dell’area di Chukotka, in Giappone. Il percorso, scortato dai rompighiaccio, è stato favorito dalle condizioni climatiche in tutto il passaggio nell’area siberiana.

Secondo la società nucleare russa Rosatom, la nuova operazione apporterebbe numerosi benefici, distribuendo energia a 50.000 persone e andando a sostituire le vecchie centrali elettriche a carbone. Tra gli intenti sembrerebbe esserci quello di ridurre in tal modo l’effetto serra, nonché il rischio di un incidente nucleare, il tutto in totale sicurezza e garantito da materiali e tecnologie “a prova di tsunami” – come afferma uno dei principali ingegneri del progetto Vladimir Irminku.

Non la pensa così Greenpeace – come una schiera di scettici che hanno messo fortemente in dubbio la sicurezza dell’impianto – che ha definito l’operazione “un modo troppo pericoloso e costoso per acquisire potere”. Qualsiasi impianto nucleare produce scorie radioattive ed è soggetto a incidenti, spiega il portavoce Rashid Alimov. L’Akademik Lomonosov potrebbe non essere così resistente alle intemperie e la possibilità che l’Artico incontaminato sia colpito da un incidente nucleare su larga scala è fonte di enorme preoccupazione.

Non sono rari, peraltro, gli incidenti di questo tipo, talvolta dalle dinamiche poco chiare e che coinvolgono numerose vittime. L’ultimo è avvenuto ad agosto presso la base nucleare di Nenoska e ha coinvolto 5 persone. Altre 14 sono morte soltanto il mese prima, con l’esplosione del sottomarino Losharik, e sono piuttosto comuni le perdite di materiale radioattivo da parte di mezzi navali, sebbene molte siano di natura misteriosa. Da non dimenticare è la tragica esplosione del sottomarino Kursk nel 2000, che uccise tutti i 118 membri dell’equipaggio.

Articolo di Erika del 11 Settembre 2019 alle ore 18:12

Altre Notizie Meteo

Forti piogge sulle regioni nord-occidentali: attesi fino a 400 mm di precipitazione sulle Alpi

Forti piogge sulle regioni nord-occidentali: attesi fino a 400 mm di precipitazione sulle Alpi

In queste ore una profonda saccatura si è inserita sul Mediterraneo Occidentale, provocando la risalita di aria più calda dall’Africa verso l’Europa Centrale. Questa configurazione ha determinato un forte contrasto termico tra l’Europa Occidentale, dove le temperature registrate sono inferiori alla media del periodo, e il Centro Europa, dove i valori termici hanno superato di […]

Forti tempeste possono causare onde sismiche, gli “stormquake”

Forti tempeste possono causare onde sismiche, gli “stormquake”

Secondo la scoperta alcuni terremoti hanno origine da violente tempeste marine che si sviluppano in particolari aree oceaniche. Il mistero di alcuni segnali sismici finora risultati inspiegabili è stato svelato: gli “stormquake” (neologismo formato da “tempesta” e “sisma”, come “earthquake” sta per terremoto) sono un fenomeno sismico che soltanto di recente gli esperti sono riusciti […]

Europa: ancora caldo anomalo con temperature fino a 30°

Europa: ancora caldo anomalo con temperature fino a 30°

Il mese di ottobre è stato fin qui caratterizzato da temperature sopra media in molti stati europei. Questa fase di caldo anomalo non solo proseguirà nei prossimi giorni, ma subirà una ulteriore intensificazione, specialmente sulle regioni dell’Europa Centrale. Questo andamento è spiegato dalla particolare configurazione sinotticache nei prossimi giorni vede una profonda saccatura raggiungere il […]

Stati Uniti: tempesta tropicale sta per raggiungere la Florida

Stati Uniti: tempesta tropicale sta per raggiungere la Florida

In questo periodo dell’anno, le calde acque superficiali del Golfo del Messico favoriscono la formazione di intense depressioni tropicali le quali, nelle giuste condizioni, possono evolvere in tempeste tropicali e talvolta in uragani. Una depressione tropicale è un ciclone, quindi un sistema di bassa pressione, che si forma a latitudini tropicali e che fa registrare […]

Stasera occhi al cielo per le Orionidi, le stelle cadenti d’autunno

Stasera occhi al cielo per le Orionidi, le stelle cadenti d’autunno

La “pioggia di meteore” sarà visibile nelle notti tra il 18 e il 23 ottobre. Il loro nome si deve alla costellazione di Orione, teatro del fenomeno delle scie luminose che ogni anno attraversano il cielo nel momento in cui incontrano l’orbita terrestre. Le Orionidi sono infatti frammenti meteoritici rilasciati dalla Cometa di Halley, che […]

Primo rapporto Ispra sul danno ambientale in Italia, 30 casi accertati

Primo rapporto Ispra sul danno ambientale in Italia, 30 casi accertati

I danni maggiori si devono agli impianti di depurazione e smaltimento di rifiuti, alle attività industriali e ai cantieri edili e interessano soprattutto le acque sotterranee e i fiumi. Sono 30 i casi accertati di danno ambientale grave in Italia, di cui 22 procedimenti giudiziari e 8 extra-giudiziari. Lo dice il primo resoconto ufficiale del […]

Intenso ciclone sulle coste orientali degli Stati Uniti: venti forti e onde alte fino a 6 metri

Intenso ciclone sulle coste orientali degli Stati Uniti: venti forti e onde alte fino a 6 metri

In queste ore un intenso ciclone sta interessando la costa orientale degli Stati Uniti, dove si registrano insistenti precipitazioni e venti molto forti, che generano onde fino a 6 metri di altezza dal Connecticut al Maine. Il ciclone si è approfondito repentinamente e nelle prossime ore la pressione minima al suolo potrebbe raggiungere i 972 […]

Weekend in Italia torna il maltempo con nuova perturbazione: si ma non ovunque!

Weekend in Italia torna il maltempo con nuova perturbazione: si ma non ovunque!

L’anticiclone torna ad avvicinarci alla nostra penisole e la pressione torna ad aumentare sul Mediterraneo centrale e l’Italia, chiudendo così l’ondata di maltempo di inizio settimana. Si apre quindi una fase più stabile e soleggiata con clima tutto sommato ancora mite al Sud, sulle isole e su buona parte dell’Adriatico, quantomeno nelle ore diurne. Ma […]

Come si forma un tornado?

Come si forma un tornado?

Nella giornata di ieri un forte tornado ha colpito la città di Arles, in Provenza, causando ingenti danni ad auto ed abitazioni. I tornado rappresentano uno dei fenomeni meteorologici più distruttivi del pianeta raggiungendo, nei casi più estremi, venti superiori a 400 km/h. La loro formazione è quasi sempre legata alla presenza di forti sistemi […]

Greenpeace: trovate 45 tonnellate di rifiuti italiani in Polonia

Greenpeace: trovate 45 tonnellate di rifiuti italiani in Polonia

Delle centinaia di balle di rifiuti in plastica almeno 50 provengono dall’Italia. Secondo Greenpeace non ci sono dubbi: i rifiuti trovati in un ex distributore di benzina a Gliwice, in Polonia, provengono dall’Italia. Le etichette sui prodotti di plastica rinvenuti in una cinquantina di balle sono di noti prodotti italiani e rappresentano circa la metà […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464