Acqua alta, cosa succede in Italia e negli altri paesi soggetti a inondazioni

Venezia non è certo l’unica città al mondo a rischio inondazione. Ma come hanno fatto altre città ad arginare il fenomeno ed evitare i danni legati alle mareggiate?

Per giorni Venezia ha vissuto momenti di grande preoccupazione a causa dell’acqua che ha raggiunto valori record, paragonabili all’alluvione che nel 1966 investì la laguna. L’acqua alta ha raggiunto i 187 centimetri, causando danni per centinaia di milioni di euro e una vittima sull’isola di Pellestrina. Ma mareggiate come quella che si è verificata in questi giorni non sono fenomeni imprevedibili per una città che fa parte delle zone più a rischio nel mondo per l’innalzamento del livello del mare. Come conferma uno studio di Climate Central pubblicato su Nature, il rischio di inondazione per Venezia, come per altre città – soprattutto Giacarta, Londra, Mumbai, Alessandria d’Egitto, Bassora, New Orleans e Bangkok, diventa sempre più alto con i cambiamenti climatici.

Ma mentre a Venezia l’enorme sistema di dighe mobili del Mose – che dovrebbe proteggere la laguna dalle maree – è al centro di un grave scandalo per corruzione e pertanto rimasto un’opera incompiuta, in altre città soggette a inondazioni sono state adottate soluzioni efficaci per arginare il fenomeno dell’acqua alta e ridurre al minimo i rischi legati ad esso.

L’esempio più eclatante di sistemi per la tutela dalle maree è l’Olanda, il cui territorio si trova per il 40% sotto il livello del mare e dove eventi di innalzamento del mare ad un livello potenzialmente allarmante si verificano con una certa frequenza, in media una volta l’anno. Ad impedire il passaggio dell’acqua alta c’è uno dei più innovativi e moderni sistemi di dighe al mondo, il Piano Delta, che entrando in funzione in previsione di condizioni pericolose, protegge le aree più a rischio, tra cui la capitale Amsterdam. Il Piano Delta è composto da 18.000 chilometri di dighe e dune e per la sua straordinarietà è diventato addirittura un’attrazione turistica. Oltre ad impedire le inondazioni, la diga è in grado di preservare la fauna e la flora con un sistema semi aperto e consentire l’accesso in mare aperto alle imbarcazioni.

Anche nel Regno Unito si è pensato a far fronte alle alte maree con la barriera di Thames, situata a Woolwich, che se attivata regola il flusso d’acqua del fiume Tamigi, disponendolo su diversi canali. Nell’arco di 30 anni, la barriera è stata attivata con una media sempre più alta – dalle 4 alle 14 volte l’anno, escluso il 2007, con il record nell’inverno 2013-2014 in cui le paratie sono state chiuse ben 28 volte. Non da meno è il sistema utilizzato nella città di San Pietroburgo, in Russia, dove una diga di 25 chilometri protegge dalle piene del fiume Neva ed è progettata per resistere fino a 5 metri d’acqua.

Dopo che l’uragano Katrina causò una devastante inondazione nel 2005, a New Orleans, situata sul Golfo del Messico e che per l’80% si trova sotto il livello del mare, si pensò bene di costruire un sistema di dighe e barriere lungo 560 chilometri, riducendo così il rischio di catastrofi simili. Anche in Giappone, dove il rischio di tsunami è particolarmente alto, si sta pensando a realizzare soluzioni che ne riducano al minimo i danni.

Secondo i dati di Climate Central, i rischi legati alle inondazioni riguardano circa 300 milioni di persone. Città come Venezia rischiano di essere sommerse a causa dell’innalzamento del livello del mare, che è strettamente legato al riscaldamento globale.

Articolo di Erika del 19 Novembre 2019 alle ore 17:00

Altre Notizie Meteo

La prova del cambiamento climatico trovata negli anelli degli alberi secolari

La prova del cambiamento climatico trovata negli anelli degli alberi secolari

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli alberi analizzati in Sudamerica rivelano un aumento di eventi estremi a partire dal 20° secolo. Gli anelli degli alberi possono rivelare molte informazioni sull’ambiente circostante, compresi i cambiamenti nell’umidità del suolo e quindi del clima. Gli scienziati hanno raccolto 600 anni di questi dati per comprendere meglio i cambiamenti […]

Il fitoplancton nell’Artico è aumentato del 57%. Cosa vuol dire?

Il fitoplancton nell’Artico è aumentato del 57%. Cosa vuol dire?

Tempo di lettura: 3 minuti. Le vaste fioriture di alghe contribuiscono ad un maggiore assorbimento di carbonio e un maggior apporto di sostanze nutritive. Ma cosa comporterà un Artico più “verde”? Negli ultimi 20 anni, l’Oceano Artico ha visto un aumento del 57% del suo fitoplancton, rivela uno studio condotto da un team di ricercatori […]

Meteo venerdì 10 luglio: soleggiato e caldo, rovesci su Alpi, Prealpi e Appennino

Meteo venerdì 10 luglio: soleggiato e caldo, rovesci su Alpi, Prealpi e Appennino

Giornata prevalentemente stabile e soleggiata su tutte le nostre regioni, nelle ore pomeridiane qualche rovescio sarà possibile sulle aree alpine, prealpine e localmente in Appennino. Temperature stazionarie o in ulteriore e lieve aumento con caldo intenso. Un campo di alta pressione sub-tropicale interessa la nostra Penisola e andrà a garantire, anche per la giornata odierna, […]

Come e quando vedere lo spettacolo della cometa F3 Neowise

Come e quando vedere lo spettacolo della cometa F3 Neowise

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo il passaggio al perielio, la cometa più bella del millennio torna visibile ad occhio nudo. Scoperta nel mese di marzo, la cometa C/2020 F3 Neowise ha conquistato gli amatori delle osservazioni celesti per la sua brillantezza e la possibilità di essere ammirata a occhio nudo. A metà giugno la […]

Weekend in arrivo dal fascino estivo con sole e caldo, ma occhio ai tanti temporali!

Weekend in arrivo dal fascino estivo con sole e caldo, ma occhio ai tanti temporali!

Alta pressione Africana prova ad inglobare l’Italia in questa seconda parte di settimana, ma come preannunciato da lunedì, in vista c’è un nuovo break temporalesco per il weekend. L’artefice del cambiamento sarà ancora una volta il vortice freddo posizionato tra Mare del Nord e Scandinavia e le caratteristiche del guasto saranno con ogni probabilità molto […]

Meteo giovedì 9 luglio: soleggiato e caldo su tutte le regioni

Meteo giovedì 9 luglio: soleggiato e caldo su tutte le regioni

Giornata stabile e soleggiata su tutta la nostra Penisola, locali addensamenti pomeridiani si registreranno sull’Appennino abruzzese e sulle aree alpine con qualche isolato e breve rovescio. Temperature in aumento. Un campo di alta pressione sub-tropicale risulta ben saldo sulla nostra Penisola e andrà a garantire, anche per la giornata odierna, condizioni di tempo stabile e […]

Un gene ereditato dai Neanderthal spiegherebbe la nostra vulnerabilità al Covid-19

Un gene ereditato dai Neanderthal spiegherebbe la nostra vulnerabilità al Covid-19

Tempo di lettura: 4 minuti. Sarebbe una conseguenza dell’ibridazione dei nostri antenati con i Neanderthal circa 60.000 anni fa, riscontrabile in un segmento del cromosoma 3. Un tratto del nostro DNA ereditato dai Neanderthal potrebbe spiegare la vulnerabilità al Covid-19, secondo un nuovo studio. Quel segmento di sei geni sarebbe responsabile delle complicazioni che possono […]

Meteo mercoledì 8 luglio: tempo stabile e soleggiato su tutta Italia

Meteo mercoledì 8 luglio: tempo stabile e soleggiato su tutta Italia

Giornata stabile e soleggiata su tutta la nostra Penisola, con cielo sereno o poco nuvoloso, locali annuvolamenti pomeridiani su Alpi e Appennini. Temperature nei valori medi tipici del periodo con caldo nella norma. Sull’Italia è in fase di espansione e rinforzo un campo di alta pressione sub-tropicale che andrà a garantire, per la giornata odierna, […]

Caldo anomalo in Siberia: preoccupa l’estensione del ghiaccio artico

Caldo anomalo in Siberia: preoccupa l’estensione del ghiaccio artico

Durante il mese di giugno la Siberia è stata interessata da condizioni di caldo estremo e prolungato. Nella città di Verkhoyansk, a ben 67° di latitudine nord, il 20 giugno scorso è stata misurata la temperatura record di 38°. Inoltre, le temperature insolitamente alte hanno favorito lo sviluppo e la diffusione di incendi che hanno […]

Pioggia record in Giappone, almeno 18 vittime a causa delle forti inondazioni

Pioggia record in Giappone, almeno 18 vittime a causa delle forti inondazioni

Tempo di lettura: 2 minuti. Continuano le azioni di soccorso nelle prefetture di Kumamoto e Kagoshima, dove le piogge alluvionali hanno travolto numerosi edifici e costretto ad evacuare più di 270.000 persone. Sabato scorso l’agenzia meteorologica giapponese aveva messo in guardia sulle fortissime precipitazioni in arrivo sull’isola di Kyushu, nel sud-ovest del Giappone, esortando gli […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464