Ispra: in Italia la temperatura aumenta di più rispetto al resto del mondo

Tempo di lettura: 2 minuti.

Crescono anche il consumo di suolo e l’inquinamento elettromagnetico da impianti RTV e telefonia mobile. Le emissioni di gas serra risultano invece in calo.  

L’aumento di temperatura in Italia è maggiore rispetto alla media globale, secondo i nuovi dati ambientali Ispra. L’anomalia registrata nel 2018 rispetto alla media 1961-1990 è stata di 1,71 °C in più – 0,98 °C a livello globale, mentre si è evidenziato un aumento medio di 0,38 °C circa relativo a ogni decennio dal 1981 al 2018. Anche la temperatura superficiale dei mari italiani ha raggiunto un nuovo record nel 2018 di +1,08 °C, dopo il picco del 2015. Per quanto riguarda le emissioni di gas serra, le riduzioni registrate sono state dello 0,9% nel 2018 rispetto all’anno precedente e tendente allo 2,0% nel 2019. Quest’anno si stima una riduzione delle emissioni fino al 5,5% a causa del lockdown, in concomitanza con un calo del PIL del 4,7%. Anche la media 1990-2018 risulta in calo, con -17,2% di emissioni nel Paese. Per raggiungere gli obiettivi 2030, i gas serra dovranno diminuire del 32%  

A livello europeo, l’impatto maggiore sul tasso di inquinamento atmosferico proviene dal bacino padano: durante il lockdown, i valori di biossido di azoto nelle regioni del Nord Italia e nella Pianura padana sono diminuiti del 40-50%. Riguardo le polveri sottili, nel 2019 il 21% delle stazioni di monitoraggio ha registrato il superamento del limite giornaliero di PM10, a differenza delle PM2,5 che risultano entro i limiti nella maggior parte dei casi. In crescita anche l’inquinamento elettromagnetico, che tra luglio 2018 e settembre 2019 ha superato i limiti consentiti il 6% di volte in più rispetto alla media per gli impianti radiotelevisivi e il 4% per le reti di telefonia mobile. Piuttosto stabile resta invece l’impatto delle sorgenti a bassa frequenza, ovvero elettrodotti ed elettrodomestici.

L’Italia è il terzo produttore di sostanze chimiche in Europa dopo Germania e Francia, con oltre 2.800 imprese attive. L’inquinamento da sostanze chimiche è ancora un dato allarmante nel Paese, soprattutto riguardo all’uso di pesticidi, che si traduce nel 24,4% delle acque superficiali contaminate con concentrazioni superiori rispetto alla media consentita e il 6% di quelle sotterranee. Allo stesso tempo, si rileva una crescita nell’uso circolare dei materiali rispetto alla media europea – l’Italia è al terzo posto per produttività delle risorse – e un’invariabilità nella produzione dei rifiuti urbani per la media 2018-2019, che nel 2020 è destinata a diminuire di pari passo con la riduzione del PIL.

Ancora più preoccupante è invece il consumo di suolo, che ha raggiunto i 2 metri quadri al secondo tra il 2017 e il 2018, con la cementificazione di 23.000 km quadrati di terreno. I dati mostrano una continua crescita del fenomeno, che nel 2018 ha interessato anche il 2% delle aree protette. Non da meno è il rischio idrogeologico che caratterizza buona parte del territorio italiano e interessa il 2,2% della popolazione, con 1.281.970 abitanti che risiedono in aree ad elevata pericolosità.

Articolo di Erika del 03 Giugno 2020 alle ore 17:57

Altre Notizie Meteo

Meteo martedì 14 luglio: locali rovesci su Alpi e Appennini, tempo soleggiato al centro-sud

Meteo martedì 14 luglio: locali rovesci su Alpi e Appennini, tempo soleggiato al centro-sud

Giornata prevalentemente stabile e soleggiata al centro-sud, più nubi al nord. Rovesci pomeridiani su Alpi e Appennini e anche sulla Sicilia. L’Italia è interessata parzialmente da correnti più fresche nord-orientali, al contempo la presenza di un campo di alta pressione andrà comunque a garantire una giornata prevalentemente stabile e soleggiata. Nelle ore pomeridiane locali rovesci interesseranno le aree […]

Quanto aumenterà la temperatura nei prossimi 5 anni?

Quanto aumenterà la temperatura nei prossimi 5 anni?

Tempo di lettura: 2 minuti. Secondo la WMO, l’aumento sarebbe di circa 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali. Secondo le previsioni dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) per i prossimi 5 anni, c’è una possibilità del 20% di superare di 1,5 °C la temperatura media annuale rispetto al periodo 1850-1900. L’ONU ha affermato che l’ultimo quinquennio è […]

Arresto dell’anticiclone in settimana: stop al caldo estivo e temporali pronti ad intervenire!

Arresto dell’anticiclone in settimana: stop al caldo estivo e temporali pronti ad intervenire!

Dopo il passaggio del fronte che nel weekend ha coinvolto le regioni centro-settentrionali con alcuni fenomeni di instabilità, l’alta pressione tenta il rinforzo in avvio di settimana e il tempo proverà a stabilizzarsi. Resta però qualche incognita legata ad un residuo afflusso di correnti nord-orientali al suolo in scorrimento lungo il bordo destro dell’anticiclone che […]

Meteo lunedì 13 luglio: locali rovesci su Alpi e Appennino centrale, bello altrove

Meteo lunedì 13 luglio: locali rovesci su Alpi e Appennino centrale, bello altrove

Giornata prevalentemente stabile su tutte le regioni con cielo sereno o poco nuvoloso e ampio soleggiamento. Nelle ore pomeridiane qualche rovescio tenderà ad interessare le aree alpine, prealpine e localmente anche l’Appennino centrale. Temperature in calo al centro-sud, specie sui versanti adriatici, con caldo nella norma. L’Italia è interessata parzialmente da correnti più fresche nord-orientali, […]

Meteo domenica 12 luglio: migliora al nord, bello al centro-sud, locali rovesci su Alpi e Appennino

Meteo domenica 12 luglio: migliora al nord, bello al centro-sud, locali rovesci su Alpi e Appennino

Giornata caratterizzata da un miglioramento al nord con cielo poco nuvoloso e tempo soleggiato, bello anche al centro-sud specie sulle coste. Locali rovesci pomeridiani saranno possibili su Alpi e Appennino. Temperature in calo al nord e su adriatiche, stazionarie al sud. Nel corso del week-end correnti più fresche ed instabili, provenienti dall’Europa centro orientale, hanno […]

La prova del cambiamento climatico trovata negli anelli degli alberi secolari

La prova del cambiamento climatico trovata negli anelli degli alberi secolari

Tempo di lettura: 2 minuti. Gli alberi analizzati in Sudamerica rivelano un aumento di eventi estremi a partire dal 20° secolo. Gli anelli degli alberi possono rivelare molte informazioni sull’ambiente circostante, compresi i cambiamenti nell’umidità del suolo e quindi del clima. Gli scienziati hanno raccolto 600 anni di questi dati per comprendere meglio i cambiamenti […]

Il fitoplancton nell’Artico è aumentato del 57%. Cosa vuol dire?

Il fitoplancton nell’Artico è aumentato del 57%. Cosa vuol dire?

Tempo di lettura: 3 minuti. Le vaste fioriture di alghe contribuiscono ad un maggiore assorbimento di carbonio e un maggior apporto di sostanze nutritive. Ma cosa comporterà un Artico più “verde”? Negli ultimi 20 anni, l’Oceano Artico ha visto un aumento del 57% del suo fitoplancton, rivela uno studio condotto da un team di ricercatori […]

Meteo venerdì 10 luglio: soleggiato e caldo, rovesci su Alpi, Prealpi e Appennino

Meteo venerdì 10 luglio: soleggiato e caldo, rovesci su Alpi, Prealpi e Appennino

Giornata prevalentemente stabile e soleggiata su tutte le nostre regioni, nelle ore pomeridiane qualche rovescio sarà possibile sulle aree alpine, prealpine e localmente in Appennino. Temperature stazionarie o in ulteriore e lieve aumento con caldo intenso. Un campo di alta pressione sub-tropicale interessa la nostra Penisola e andrà a garantire, anche per la giornata odierna, […]

Come e quando vedere lo spettacolo della cometa F3 Neowise

Come e quando vedere lo spettacolo della cometa F3 Neowise

Tempo di lettura: 2 minuti. Dopo il passaggio al perielio, la cometa più bella del millennio torna visibile ad occhio nudo. Scoperta nel mese di marzo, la cometa C/2020 F3 Neowise ha conquistato gli amatori delle osservazioni celesti per la sua brillantezza e la possibilità di essere ammirata a occhio nudo. A metà giugno la […]

Weekend in arrivo dal fascino estivo con sole e caldo, ma occhio ai tanti temporali!

Weekend in arrivo dal fascino estivo con sole e caldo, ma occhio ai tanti temporali!

Alta pressione Africana prova ad inglobare l’Italia in questa seconda parte di settimana, ma come preannunciato da lunedì, in vista c’è un nuovo break temporalesco per il weekend. L’artefice del cambiamento sarà ancora una volta il vortice freddo posizionato tra Mare del Nord e Scandinavia e le caratteristiche del guasto saranno con ogni probabilità molto […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464