Rivelata per la prima volta la struttura interna di Marte

Tempo di lettura: 3 minuti.

Per la prima volta gli scienziati hanno ottenuto una mappa dettagliata della struttura interna di un pianeta diverso dalla Terra. Il lander Mars InSight hanno utilizzato i dati sismici per ricreare un’immagine attendibile della crosta, del mantello e del nucleo di Marte, segnando un nuovo importante passo nella comprensione dell’evoluzione dei pianeti rocciosi del nostro sistema solare.

I terremoti offrono la possibilità di ricostruire in modo dettagliato la struttura interna di un pianeta, attraverso il modo in cui le onde sismiche si propagano e si riflettono su determinati materiali, consentendo ai sismologi di mappare l’interno degli oggetti ospiti. Fino a poco tempo fa, Marte non era ritenuto particolarmente attivo dal punto di vista geologico: non presenta placche tettoniche, non sono state osservate nuove attività vulcaniche – nonostante la presenza di antiche regioni vulcaniche, non possiede un campo magnetico globale, diversamente dalla Terra, dove è frutto di un fluido interno in costante movimento.

Sui 733 terremoti rilevati dal lander sul pianeta rosso sono stati analizzati 35 eventi, che hanno rivelato un nucleo liquido sorprendentemente grande e a bassa densità, si legge nello studio pubblicato su Science. “Gli scienziati hanno impiegato centinaia di anni per misurare il nucleo della Terra; dopo le missioni Apollo, ci sono voluti 40 anni per misurare il nucleo della Luna. InSight ha impiegato solo due anni per misurare il nucleo di Marte”, ha affermato il sismologo planetario Simon Stähler dell’ETH di Zurigo, in Svizzera.

Le recenti osservazioni, tuttavia, suggeriscono che il pianeta rosso sia più “vivo” di quanto pensassimo. È stato nel 2019 che InSight ha rilevato i primissimi rombi all’interno di Marte, fornendo una prova diretta dell’attività sismica. Dai 35 terremoti più potenti è stato possibile ottenere dei segnali utili nel ridisegnare la struttura interna.

Partendo dall’esterno verso l’interno, la mappa rivela una crosta spessa tra i 24 e i 72 km in media, composta da almeno due strati. Lo strato più alto è inaspettatamente poroso, secondo lo studio, mentre la crosta nel sito di atterraggio è sorprendentemente sottile. Ciò suggerisce un’elevata percentuale di elementi radioattivi nella crosta, diversamente da quanto rilevato nei modelli precedenti.

“Ciò che la sismologia può misurare sono principalmente i contrasti di velocità”, spiega Brigitte Knapmeyer-Endrun dell’Università di Colonia in Germania. “Queste sono differenze nella velocità di propagazione delle onde sismiche in diversi materiali”. Osservando fenomeni come la riflessione e la rifrazione attraverso due materiali rocciosi diversi (crosta e mantello), risulta un forte salto di velocità tra essi.

I dati rivelano un mantello costituito da un singolo strato di roccia, con la litosfera solida che si estende per 400-600 km, in una struttura molto diversa da quella terrestre che è spessa appena 100 km circa. Ma anche nel caso di Marte, probabilmente, esiste una regione inferiore dove il materiale inizia a fondersi e si muove lentamente. Ugualmente alla crosta, anche il mantello marziano sarebbe ricco di elementi radioattivi, secondo la ricerca.

“I dati sismici hanno confermato che Marte era presumibilmente completamente fuso prima di dividersi nella crosta, nel mantello e nel nucleo che vediamo oggi, ma che questi sono diversi da quelli della Terra”, ha affermato il geofisico Amir Khan dell’ETH di Zurigo. “La spessa litosfera si adatta bene al modello di Marte come ‘pianeta ad una lastra’”.

Procedendo verso l’interno, il nucleo marziano compare molto più grande di quanto si pensasse in precedenza, con un raggio di circa 1.830 km. Essenzialmente si tratta di un nucleo enorme, di circa 200 km più grande rispetto alle ipotesi precedenti. Inoltre, i dati sismici suggeriscono che anche il nucleo sia liquido, sebbene le dimensioni indichino una densità piuttosto bassa. Probabilmente, oltre al ferro e al nichel, esso contiene elementi più leggeri come zolfo, ossigeno, carbonio e idrogeno, il che ha delle implicazioni nella mineralogia del confine con il mantello.

Tutte queste nuove informazioni potrebbero aiutare gli scienziati a capire come Marte abbia perso la propria dinamo e il campo magnetico associato, e di conseguenza a comprendere meglio le dinamo planetarie e i campi magnetici in generale, Terra compresa. “La missione InSight è stata un’opportunità unica per acquisire questi dati”, ha affermato il sismologo e geoscienziato Domenico Giardini dell’ETH di Zurigo, “ma siamo lontani dall’analizzare tutti i dati: Marte ci presenta ancora molti misteri, in particolare se si è formato nello stesso momento e dallo stesso materiale della nostra Terra”.

Articolo di Erika del 23 Luglio 2021 alle ore 16:36

Altre Notizie Meteo

Weekend con altro impulso instabile: piogge, nuvole, temporali contro la stabilità, in quali aree?

Weekend con altro impulso instabile: piogge, nuvole, temporali contro la stabilità, in quali aree?

L’impulso instabile in transito oggi giovedì 16 sulle regioni centrali e soprattutto settentrionali sarà seguito da un flusso di correnti da ovest-sud-ovest che nella giornata di domani venerdì 17 penalizzeranno soprattutto le regioni tirreniche centro-settentrionali. Inizialmente coinvolto anche il Nord, tra Emilia e Triveneto, ma in miglioramento con il passare delle ore. Condizioni un po‘ […]

Il buco dell’ozono è diventato più esteso dell’Antartide

Il buco dell’ozono è diventato più esteso dell’Antartide

Durante quest’anno, lo strato di ozono presente nell’atmosfera terrestre si è sempre più assottigliato, fino a presentare una superficie danneggiata che risulta essere più estesa di quella dell’intero Antartide. Nelle ultime ore il Sentinel 5p, uno dei satelliti del programma della Commissione Europea Copernicus, ha registrato dati estremamente preoccupanti per quel che riguarda il buco […]

Gli incendi in Australia hanno causato una gigantesca fioritura di alghe mortali

Gli incendi in Australia hanno causato una gigantesca fioritura di alghe mortali

Tempo di lettura: 2 minuti. La crescita rapida ed esponenziale di fitoplancton minaccia gli ecosistemi marini e può avere impatti a lungo termine sull’oceano e sul clima. Oltre a costituire un pericolo immediato per gli esseri viventi e il territorio, gli incendi boschivi possono avere conseguenze a lungo termine, anche di vasta portata. È il […]

Plastica e crisi climatica: quali sono le multinazionali che inquinano di più

Plastica e crisi climatica: quali sono le multinazionali che inquinano di più

Tempo di lettura: 2 minuti. Il mercato della plastica monouso è in costante espansione e favorisce non solo la produzione di rifiuti nell’ambiente, ma anche l’industria dei combustibili fossili. Coca Cola, PepsiCo e Nestlè tra le peggiori aziende a livello mondiale nel contributo alla crisi climatica. È quanto afferma il nuovo rapporto di Greenpeace riguardo […]

Negli USA i disastri climatici hanno raggiunto livelli mai visti

Negli USA i disastri climatici hanno raggiunto livelli mai visti

Come annunciato dal Presidente Joe Biden in una recente intervista, i danni causati dai disastri climatici sul suolo statunitense costeranno al Paese oltre 100 miliardi di dollari. Dopo una delle estati peggiori della storia dal punto di vista climatico, ogni Stato si vede ora costretto a fare i conti con i danni ambientali subiti dall’inizio […]

Meteo giovedì 16 settembre: rovesci al centro-nord, in prevalenza stabilità e sole al sud

Meteo giovedì 16 settembre: rovesci al centro-nord, in prevalenza stabilità e sole al sud

Giornata caratterizzata da instabilità al nord e su parte del centro con piogge e rovesci sparsi; in prevalenza stabile e soleggiato al sud. Temperature in ulteriore rialzo al sud, in lieve calo al nord e su parte del centro. Le nostre regioni centro-meridionali, sono interessate da un campo di alta pressione sub-tropicale che garantirà, per la […]

I giorni di caldo estremo sono raddoppiati in 10 anni

I giorni di caldo estremo sono raddoppiati in 10 anni

Nell’ultimo decennio le giornate che hanno segnato temperature estreme sono passate da 14 a 26 l’anno: valori record rispetto ai valori del periodo 1980-2009. Altri dati record riguardanti il riscaldamento globale: i giorni di caldo estremo sono diventati 26 all’anno, aumentando quasi del doppio negli ultimi 10 anni. Mentre negli ultimi vent’anni dello scorso secolo […]

Raffreddare il pianeta con la geoingegneria, il piano degli scienziati

Raffreddare il pianeta con la geoingegneria, il piano degli scienziati

Tempo di lettura: 2 minuti. Una tecnologia che si ispira alle tracce rilasciate dalle navi sull’oceano. Il cambiamento climatico è ormai un fenomeno inequivocabile, difficile da negare, che stiamo tentando di contenere. Finora, però, non sembra che abbiamo trovato un modo efficace per affrontarlo, mentre le emissioni di gas serra continuano ad aumentare e il […]

Meteo mercoledì 15 settembre: sole al centro-sud, più nubi al nord con qualche pioggia

Meteo mercoledì 15 settembre: sole al centro-sud, più nubi al nord con qualche pioggia

Giornata caratterizzata da tempo in prevalenza stabile e soleggiato al centro-sud, maggiori nubi al nord con qualche locale pioggia, soprattutto su Alpi e Prealpi. Temperature stazionarie al centro e al sud, in lieve calo al nord. La nostra Penisola, segnatamente le nostre regioni centro-meridionali, è interessata da un campo di alta pressione sub-tropicale che garantirà, per […]

Intensa ondata di terremoti nelle isole Canarie

Intensa ondata di terremoti nelle isole Canarie

In pochi giorni, oltre 1700 terremoti avvertiti ai piedi del vulcano Cumbre Vieja, nell’arcipelago delle Canarie. Boom di terremoti sull’Isola di Las Palmas nelle ultime 48 ore: oltre 1700 scosse che, seppur lievi, stanno iniziando ad aumentare di intensità, spaventando gli abitanti dell’intero arcipelago. La scossa più importante registrata fino ad ora ha avuto luogo […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464

Privacy Policy Cookie Policy