Clima: ecco il piano della Cina per raggiungere le emissioni zero

Tempo di lettura: 2 minuti.

Pechino ha reso noti i primi obiettivi per raggiungere la carbon neutrality entro il 2060.

La Cina ha finalmente pubblicato il documento tanto atteso sul piano dello sviluppo verde del Paese, che punta a raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060. Ridurre l’energia fossile al 20% e incrementare le rinnovabili al 25% entro il 2030 sono le priorità nella strategia di Pechino per arrivare alla neutralità climatica nei prossimi 40 anni.

Il piano era stato annunciato dal presidente Xi Jinping più di un anno fa, le cui promesse hanno generato grandi aspettative per il paese, il maggiore produttore mondiale di gas serra, e anche un po’ di scetticismo. La roadmap cinese sembra tuttavia promettente oltre che ambiziosa, con obiettivi fissati al 2025 e al 2030, dando quindi poco margine di ritardo per l’azione climatica.

Per attuare la “nuova filosofia di sviluppo” la Cina prevede di portare le energie rinnovabili al 20% sul consumo totale entro il 2025, poi al 25% entro il 2030, fino a superare l’80% nel 2060. La strategia, come suggerisce il documento, è quella di una continua crescita economica, ma sulla base di una riduzione massima dell’inquinamento e della disgiunzione tra lo sviluppo e le emissioni causate.

La strada di Pechino sembra andare verso una crescita di qualità, piuttosto che di quantità, persino a costo di aumenti del PIL più contenuti. Entro il 2025 la CO2 per unità di PIL diminuirà infatti del 18% rispetto ai valori del 2020 e di oltre il 65% nel 2030 rispetto ai valori del 2005. Nello stesso anno la capacità totale di solare e eolico raggiungerà 1.200 GW. Nel piano di emissioni zero, anche la copertura forestale del Paese aumenterà, raggiungendo il 24,1% nel 2025.

Sul piano climatico della Cina restano comunque alcuni dubbi, soprattutto in merito al picco di carbonio. Il Paese dovrebbe raggiungerlo nel 2025, ma per molti potrebbe arrivare più tardi, poiché nei prossimi 4 anni l’aggiunta di energia fossile non si fermerà. Ciò è causa di molte incertezze su quanta energia fossile in più sarà installata e su come inciderà sulle emissioni e sul clima, se il picco sarà brusco o lento e progressivo.

Si potrebbe pensare al nuovo documento politico come un’indicazione su ciò che i paesi potrebbero aspettarsi dalla Cina alla COP26. Oppure, ed è ciò che il mondo spera, potrebbe esserci finalmente un’inversione di rotta, con un contributo estremamente significativo al livello globale.

Articolo di Erika del 25 Ottobre 2021 alle ore 16:50

Altre Notizie Meteo

Terremoti: avvertite due scosse in giornata

Terremoti: avvertite due scosse in giornata

Durante la giornata di oggi 3 dicembre 2021 sono state registrate due lievi scosse di terremoto nella penisola: la prima si è verificata in prossimità di Sassuolo (Emilia Romagna), mentre la seconda a Pozzuoli (Campania). Intorno alle 8:37 di questa mattina, è stata avvertita una leggera scossa di terremoto nella provincia di Modena, qualche chilometro […]

In aumento le emissioni di gas serra

In aumento le emissioni di gas serra

I nuovi dati mostrano come le emissioni di gas serra in Italia siano in costante aumento: +4,8% rispetto ai valori del 2020. Buone notizie, però, per le emissioni nel settore dell’energia. Il nuovo rapporto dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) sulle emissioni di gas serra in territorio italiano segnala un aumento […]

Tassa per il clima, primi test in Nuova Zelanda

Tassa per il clima, primi test in Nuova Zelanda

Auckland è una delle prime città a introdurre la misura della “climate tax” per i residenti. Con un costo di 0,6 centesimi a settimana per residente e un pacchetto totale di 600 milioni di euro, Auckland cercherà di adattarsi al meglio per i cambiamenti climatici, puntando al ripensamento della mobilità urbana e all’incremento di spazi […]

Meteo venerdì 3 dicembre: piogge e rovesci al centro-sud, soleggiato al nord

Meteo venerdì 3 dicembre: piogge e rovesci al centro-sud, soleggiato al nord

Giornata caratterizzata da tempo stabile e in prevalenza soleggiato al nord con sensibile miglioramento, eccetto residui rovesci al mattino su Emilia-Romagna, Veneto e Friuli; maltempo sulle regioni centrali adriatiche e al sud con piogge, rovesci e nevicate in Appennino. Temperature in diminuzione. La perturbazione che interessa la nostra Penisola tenderà ad evolvere verso sud-est apportando […]

Cumbre Vieja: la situazione dopo 10 settimane

Cumbre Vieja: la situazione dopo 10 settimane

Continua imperterrita l’eruzione del Cumbre Vieja, che da due mesi e mezzo minaccia la popolazione dell’Isola di Gran Canaria: la cenere sta ricoprendo ogni angolo delle città colpite. Sono passate 10 settimane da quando il Cumbre Vieja, vulcano situato in una delle due isole principali dell’Arcipelago delle Canarie, ha iniziato a eruttare: da allora, questo […]

In Iran la crisi dell’acqua continua a peggiorare

In Iran la crisi dell’acqua continua a peggiorare

La crisi dell’acqua in Iran sta causando diverse proteste: si stima che il 97% del territorio del Paese medio-orientale stia soffrendo di siccità dovuta soprattutto alla deviazione del flusso dei corsi d’acqua che il governo attua per rifornire le varie industrie. Il territorio del Medio-Oriente sta vivendo anni particolarmente difficili dal punto di vista climatico: […]

Primo weekend di dicembre ricco di eventi: sole, piogge, sole, neve e aria nuovamente più fredda!

Primo weekend di dicembre ricco di eventi: sole, piogge, sole, neve e aria nuovamente più fredda!

Il nuovo peggioramento è in azione proprio in queste ore soprattutto nell’area centrale italiana, con forti temporali e accumuli tra Lazio, Abruzzo e Molise. Gli effetti della giornata odierna si prolungheranno anche alla giornata di venerdì 3 toccherà al resto del Sud e contemporaneamente le condizioni miglioreranno a partire dalle regioni centro-settentrionali. METEO VENERDÌ 3 […]

Meteo giovedì 2 dicembre: maltempo con piogge e rovesci su gran parte dell’Italia

Meteo giovedì 2 dicembre: maltempo con  piogge e rovesci su gran parte dell’Italia

Giornata caratterizzata da maltempo su gran parte dell’Italia con piogge e rovesci diffusi, segnatamente al nord-est e al centro-sud tirrenico. Nevicate sulle Alpi oltre i 700-900 mt, oltre i 1500 mt sull’Appennino centrale. Temperature stazionarie o in lieve rialzo all’estremo sud. La nostra Penisola e’ interessata dall’azione di una perturbazione che apporterà, per la giornata […]

Le emissioni globali di CO2 saranno controllate dai satelliti

Le emissioni globali di CO2 saranno controllate dai satelliti

I primi lanci partirebbero nel 2025 con il programma Copernicus. Al vertice sul clima COP26 le nazioni del mondo hanno concordato un nuovo documento che prevede l’eliminazione graduale del carbone e dei combustibili fossili per contrastare il cambiamento climatico, ribadendo l’obiettivo di 1,5 °C di riscaldamento massimo stabilito dall’Accordo di Parigi. Per raggiungere tale obiettivo […]

L’Accordo di Parigi non basterà a salvare i coralli

L’Accordo di Parigi non basterà a salvare i coralli

Nuovi studi mostrano come lo sbiancamento dei coralli continuerebbe anche se si riuscisse a mantenere il riscaldamento globale sotto gli 1,5°C previsti dall’Accordo di Parigi. Il futuro delle barriere coralline nel mondo è sempre più a rischio: recenti statistiche hanno previsto che, con un riscaldamento globale contenuto sotto la soglia limite di 2°C, il processo […]

Scarica l'app del Meteo in Diretta per iOs o Android e porta il meteo sempre con te, è gratis!

Meteo in diretta - le tue previsioni meteo personalizzate

Copyright 2000-2015 Tutti i diritti riservati
MeteoInDiretta è un progetto Tempo di meteo srl p.i.02241200464

Privacy Policy Cookie Policy